Polizia Scientifica

Come entrare nella Polizia Scientifica in Italia

Qui troverete tutte le informazioni utili per capire come entrare nella polizia scientifica in Italia.

 

Una grande opportunità per chi vuole diventare un criminologo / un investigatore che opera sulla scena del crimine è data dalla Polizia Scientifica.

Polizia Scientifica

 

 

 

 

CHE COS’E’ E DI COSA SI OCCUPA LA POLIZIA SCIENTIFICA:

Polizia ScientificaLa polizia scientifica è un reparto altamente qualificato di poliziotti che intervengono nei casi in cui siano avvenuti atti di violenza e omicidio. Si tratta dei casi più complessi, che richiedono l’ individuazione di una scena del crimine nella quale indagare con le competenze e le tecniche specifiche proprie di questo reparto. E’ la Polizia Scientifica che attraverso l’analisi dei reperti trovati nei luoghi dove è avvenuto il crimine supporta lo svolgimento delle indagini.

In Italia questi poliziotti altamente specializzati fanno parte della Polizia di Stato.

Polizia Scientifica

 

 

  COME ENTRARE NELLA POLIZIA SCIENTIFICA:

Essendo un reparto della Polizia di Stato si può entrare solo per concorso, attraverso un bando pubblico, che viene pubblicato periodicamente sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Polizia ScientificaPrima di elencare i requisiti minimi, voglio anticipare che in questo tipo di concorso sono ammessi solo laureati che abbiano frequentato un corso di specializzazione in chimica, biologia, ingegneria, architettura o altre discipline della durata di 5 anni.

 

REQUISITI MINIMI PER L’ACCESSO IN POLIZIA SCIENTIFICA:

  • Essere cittadini italiani
  • Non avere carichi pendenti
  • Essere maggiorenni
  • Avere una condotta impeccabile
  • Non essere stati allontanati dalla Polizia o dai corpi delle Forze Armate
  • Essere idonei dal punto di vista psico-fisico
  • Essere in possesso di una laurea specialistica di 5 anni

 

PROVE SCRITTE PER ENTRARE IN POLIZIA SCIENTIFICA

  1. Il candidato dovrà superare una prova preselettiva (qualora il numero dei candidati superi di 50 volte il numero dei posti messi a disposizione) realizzata sotto forma di test a risposta multipla.
  2. Superato il test si viene ammessi alle 3 prove scritte (per un totale di candidati il cui numero è pari a cinque volte il numero dei posti messi a concorso):
  3. La prima prova verte su argomenti come le normative vigenti, le tecniche utilizzate dalla polizia scientifica e la criminologia in generale.
  4. La seconda prova invece riguarda materie tecniche come la fisica sperimentale, la fisica generale, l’ottica, la balistica, l’analisi distruttiva, l’analisi delle statistiche, la grafica e l’analisi computerizzata.
  5. La terza prova è infine una prova orale, che verte sulle materie delle prove precedenti alle quali devono essere aggiunti contenuti di diritto pubblico e privato e sulle leggi costitutive della Polizia di Stato.

entrare nella poliziaLe prove sostenute verranno valutate da una apposita commissione, come avviene in tutti i concorsi e i punteggi assegnati serviranno a determinare una graduatoria generale.

Nella graduatoria finale saranno presi in considerazione anche eventuali brevetti, abilitazioni, corsi e specializzazioni già detenute dagli eventuali aspiranti, che potranno concorrere all’accumulo di punti aggiuntivi.

Coloro che superano le prove selettive saranno poi convocati presso l’Istituto di Istruzione della Polizia di Stato per frequentare un corso di formazione. 

 

 

Se siete ancora convinti, come me, di voler diventare un criminologo e magari entrare a far parte dell’Intelligence, non ci rimane che studiare, tenerci in forma e cercare di emergere come persone, come studenti e come criminologi.

Un consiglio: i laboratori della polizia scientifica del Canton Ticino a volte aprono le porte ai non addetti ai lavori, è una esperienza veramente entusiasmante e istruttiva.

L’estate del 2017 ha visto in giro per l’Italia il Moving Lab, un laboratorio di polizia scientifica mobile aperto al pubblico, per far conoscere anche ai non addetti al lavoro come si svolgono le indagini della polizia scientifica.

Se questo articolo vi è piaciuto condividetelo con i vostri amici su Facebook, e mettete “mi piace”, fate commenti o domande.

Vorrei condividere con voi due letture molto interessanti:

Il sopralluogo nel processo penale. Manuale tecnico-scientifico di polizia giudiziaria di Antonio Vento e Antonio Di Tommaso. E’ un po’ datato 31/12/2009, ma comunque un’interessantissima lettura. 

Oppure un altro libro che merita un po’ del nostro tempo è Intelligence e metodo scientifico un saggio di Dario Antiseri e Adriano Soi del 2014.

Cliccate sui libri per scoprire recensioni e prezzo, ve li consiglio .

A presto

 

 

10 comments on “Come entrare nella Polizia Scientifica in ItaliaAdd yours →

    1. Ciao Lorenza!!!
      Se vuoi sfruttare la tua laurea il mio consiglio è di provare con i concorsi pubblici, sono veramente pochi quindi ti consiglio di non perdere tempo, ce n’è uno che scade l’11 gennaio. (Vedi la risposta che ho dato a Nunzia.) Ciò che mi sento di dirti è di provarci, e di non sprecare nessuna occasione. L’altra strada è di entrare nella polizia come funzionario generico e poi cercare di farsi spostare nella scientifica, da quanto ne so è una via più facile rispetto ad entrare direttamente da “civile”.
      Spero di esserti stata utile.

  1. Ciao, ho appena letto il tuo articolo. Sai per caso se una laurea in chimica è tecnologia farmaceutiche è considerata Valida per accedere al concorso per la polizia scientifica? Grazie saluti!!

    1. Da quanto leggo dalla Gazzetta Ufficiale direi di si.

      Ti riporto qui un’estratto, e come direttore tecnico biologo credo che tu abbia i requisiti. Hai tempo fino all’11 gennaio per presentare domanda.

      La Polizia d Stato ha pubblicato nuovi concorsi per 65 assunzioni.

      I bandi sono rivolti a psicologi, ingegneri, biologi, fisici e chimici. Per partecipare ai concorsi Polizia di Stato c’è tempo fino al giorno 11 gennaio 2017.

      – n. 28 posti per Direttori Tecnici Ingegneri;
      – n. 26 posti per Direttori Tecnici Fisici;
      – n. 4 posti per Direttori Tecnici Chimici;
      – n. 4 posti per Direttori Tecnici Biologi;
      – n. 3 posti per Direttori Tecnici Psicologi.

      Ai candidati si richiede, inoltre, il possesso dei seguenti titoli di studio e professionali:

      – per il ruolo di Direttore Tecnico Psicologo – laurea in Psicologia (LM-51) o equivalente;

      – per il ruolo di Direttore Tecnico Ingegnere – laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni (LM-27), Ingegneria della Sicurezza (LM-26), Ingegneria meccanica (LM-33) o equivalente;

      – per il ruolo di Direttore Tecnico Biologo – laurea in Biologia (LM-6), Biotecnologie agrarie (LM-7), Biotecnologie industriali (LM-8), Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9), o equivalente, con abilitazione all’esercizio della professione;

      – per il ruolo di Direttore Tecnico Fisico – laurea in Informatica (LM-18), Ingegneria dell’automazione (LM-25), Ingegneria della sicurezza (LM-26), Ingegneria delle telecomunicazioni (LM-27), Ingegneria elettronica (LM-29), Ingegneria informatica (LM-32). Sicurezza informatica (LM-66) o equivalente;

      – per il ruolo di Direttore Tecnico Chimico – laurea in Scienze chimiche (LM-54), Scienze e Ingegneria dei materiali (LM-53) o Scienze e Tecnologie della Chimica industriale (LM-71), o equivalente, con abilitazione all’esercizio della professione.

  2. Ciao , ho appena letto il tuo articolo , mi è stato molto di aiuto , vorrei porti delle domande . In primo luogo vorrei chiederti se è propenso dopo la laurea triennale il sociologia crimine e devianza che devo terminare prendere la magistrale in scienze criminologia e investigative a Forlì , in quanto vorrei completare i miei studi ed assumere anche eventualmente dopo un master il titolo di criminologia per poi provare ad entrare come tale nella polizia scientifica… andrebbe bene questo titolo di studio ? inoltre volevo chiederti se per accedere alle prove per la polizia scientifica bisogna sostenere anche delle prove fisiche o se è sufficiente superare le prove da te elencate . Grazie in anticipo

    1. Ciao Sara, sono contenta che il mio articolo ti sia piaciuto. Inizio a rispondere alle tue domande partendo dalla fine ;D. Per quanto riguarda le prove fisiche ti riporto uno stralcio del bando del concorso per psicologi per il 2017 :

      Art. 3
      Requisiti per l’ammissione
      1. Per l’ammissione al concorso i candidati devono essere in possesso, alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione, dei seguenti requisiti:
      …..
      e) possedere l’idoneità fisica, psichica ed attitudinale all’espletamento delle mansioni di carattere professionale nei ruoli della Polizia di Stato, così come previsto dal decreto ministeriale 30 giugno 2003, n. 198, dalle allegate tabelle e dal DPR 17 dicembre 2015, n. 207, che prevedono, tra l’altro:
      1) sana e robusta costituzione fisica;
      2) composizione corporea: percentuale di massa grassa nell’organismo non inferiore al 7 per cento e non superiore al 22 per cento per i candidati di sesso maschile, e non inferiore al 12 per cento e non superiore al 30 per cento per le candidate di sesso femminile;
      forza muscolare: non inferiore a 40 kg per i candidati di sesso maschile, e non inferiore a 20 kg per le candidate di sesso femminile;
      massa metabolicamente attiva: percentuale di massa magra teorica presente nell’organismo non inferiore al 40 per cento per i candidati di sesso maschile, e non inferiore al 28 per cento per le candidate di sesso femminile;
      3) senso cromatico e luminoso normale, campo visivo normale, visione notturna sufficiente, visione binoculare e stereoscopica sufficiente;

      4) visus corretto non inferiore a 10/10 per ciascun occhio, con una correzione massima complessiva di tre diottrie per la miopia o l’ipermetropia o l’astigmatismo semplice (miopico ed ipermetropico) e di tre diottrie quale somma dei singoli vizi di rifrazione per l’astigmatismo composto e l’astigmatismo misto;
      …….

      Art. 7
      Accertamenti psico-fisici ed attitudinali
      1. I candidati sono tenuti a sottoporsi, nel luogo, giorno ed ora che saranno loro preventivamente comunicati, alla visita medica per l’accertamento del possesso dei requisiti di idoneità psico-fisica ed alle prove attitudinali previste per l’accesso ai ruoli della Polizia di Stato.
      2. Gli accertamenti psico-fisici saranno effettuati da una commissione composta da un primo dirigente medico della Polizia di Stato, che la presiede, due direttivi medici della Polizia di Stato e due componenti scelti tra i docenti universitari ovvero tra i dirigenti medici del Servizio Sanitario Nazionale.

      Ai fini dell’accertamento dei requisiti psico-fisici, il candidato, oltre ad essere sottoposto ad un esame clinico generale ed a prove strumentali e di laboratorio, dovrà presentare la seguente documentazione sanitaria, con data non anteriore a tre mesi rispetto a quella della presentazione agli accertamenti psico-fisici:
      
      a) certificato anamnestico, pubblicato all’atto delle convocazioni alle visite mediche sul sito della Polizia di Stato nella pagina relativa al concorso, sottoscritto dal medico di fiducia di cui all’art. 25 della legge 23 dicembre 1978 n. 833 e dall’interessato, con particolare riferimento alle infermità pregresse o attuali indicate nel decreto ministeriale 30 giugno 2003 n. 198; in tal senso il candidato potrà produrre accertamenti clinici o strumentali inerenti le pregresse patologie ritenuti utili ai fini della valutazione medico-legale.
      b) esame audiometrico e E.C.G. da effettuarsi presso una struttura pubblica o accreditata con il S.S.N. con l’indicazione del codice identificativo regionale;
      c) esami ematochimici da effettuarsi presso una struttura pubblica o accreditata con il S.S.N. con l’indicazione del codice identificativo regionale:
      1 – esame emocromocitometrico con formula;
      2 – esame chimico e microscopico delle urine;
      3 – creatininemia; 4 – gamma GT; 5 – glicemia; 6 – GOT (AST); 7- GPT (ALT); 8 – HbsAg; 9 – Anti HbsAg; 10 – Anti Hbc; 11- Anti HCV

      Sempre lo stesso bando di concorso all’articolo 3 riporta tra i requisiti richiesti:
      g) essere in possesso di un diploma di laurea appartenente alla classe delle lauree magistrali in Psicologia (LM-51) ovvero di un diploma rilasciato secondo il precedente ordinamento universitario ed equiparato alla predetta classe delle lauree magistrali ai sensi del decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca del 9 luglio 2009, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana – Serie generale n. 233 del 7 ottobre 2009 – conseguito presso un’università della Repubblica italiana, o di un diploma straniero dichiarato equipollente ai sensi della normativa vigente;
      h) essere in possesso dell’abilitazione all’esercizio della professione;
      ….
      quindi direi che la laurea magistrale è doverosa se si vuole entrare direttamente nella scientifica.
      Altrimenti l’altra strada è quella di provare il concorso da agente e poi una volta entrati in Polizia tentare con i concorsi interni per entrare nella scientifica.

      Spero di esserti stata di aiuto.

      In bocca al lupo per la tua carriera.

  3. ciao ho letto il tuo articolo! grazie per le informazioni, sai se per l’anno prossimo sono previsti concorsi per la polizia scientifica?
    io ho due lauree triennali (tecniche di laboratorio e biologia) e la magistrale in biotecnologie mediche ed ero interessato a capire se ci fossero o meno possibilità!
    grazie mille

    1. Ciao Paolo,
      l’ultimo concorso per entrare nella polizia scientifica è stato emesso il 13 dicembre 2016 con scadenza a 30 giorni dall’emissione dell’atto e per gli uffici della polizia di stato è ancora in atto. Attualmente non so se sono previsti nuovi bandi, posso solo consigliarti di scaricarti l’app sull’iphone della polizia di stato che ti permette di tenerti aggiornato sull’uscita di nuovi concorsi. Hai tutte le carte in regola per entrare nella Polizia Scientifica e quindi non mi rimane che augurarti un grande in bocca al lupo.

  4. Ciao! Volevo chiederti se una laurea in medicina con specializzazione in medicina legale può essere valida per partecipare al concorso

    1. Ciao Giulia, assolutamente si. Il concorso per i medici della Polizia si svolge attraverso il concorso per direttore tecnico. In particolare le materie trattate nelle due prove scritte sono patologia medica e chirurgica. All’orale verrà chiesta semeiotica e clinica medica, medicina legale e antropologia criminale. Una volta superate queste prove ti verrà fatto un corso di formazione di 12 mesi. Ehi, in bocca al lupo!!!

Rispondi